C.F. 93491330721  -  C.U.U.: UFNOGZ  -  PEC: batf230001@pec.istruzione.it -  PEObatf230001@istruzione.it  -  TEL: 0805425412 

Genitori

Search

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

 

Cinque studenti del Panetti-Pitagora, tre di quarta elettronica e due di terza elettrotecnica, hanno partecipato, dal 19 al 23 Luglio, a un’alternanza scuola-lavoro molto originale presso l'autodromo di Varano de' Melegari.

I nostri studenti sono stati assistenti di gara automobilistica durante la XIII edizione FORMULA SAE ITALY & FORMULA ELECTRIC ITALY. Le loro mansioni sono state di supporto allo staff dell'Anfia con compiti di organizzazione, controllo e assistenza tecnica alle auto partecipanti, sia relative ai prototipi a combustione interna sia a trazione elettrica. La FORMULA SAE ITALY è sostanzialmente  la Formula 1 delle Università che si occupano di automobili e motori.

L'evento, che rientra nel circuito della Sae International, ha avuto come main sponsor la Dallara Automobili (che costruisce i telai delle auto di F1), le note case automobilistiche Fiat Chrysler Automobiles che ha partecipato con il marchio storico Abarth e Lamborghini ed il supporto mediatico del famoso magazine Quattroruote.

 

Nella foto sono ritratti gli studenti con la maglia gialla, accompagnati dal tutor aziendale Giuseppe Antares Silecchia, nei box della scuderia tedesca Sankt Augustin che si è aggiudicata il primo posto nella gara dell'autocross. 

E’ stata una competizione tecnico-sportiva internazionale, aperta alla partecipazione di studenti di ingegneria provenienti dalle Università di tutto il mondo. A partire da quest'anno l’evento è stata organizzata da Anfia, l’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica. Durante la manifestazione, i team di studenti hanno affrontato prove statiche quali presentazioni di Design, Business e Cost e prove dinamiche in pista: Acceleration, Skid Pad, Autocross, Endurance. Si è tenuta inoltre una gara fra vetture a combustione interna e a trazione elettrica, mentre una terza competizione è stata dedicata alla valutazione progettuale, senza presentazione di prototipi.

 

L'evento ha visto la partecipazione di oltre 2.600 studenti provenienti da 23 nazioni e 70 diversi atenei in rappresentanza di 81 team universitari, di cui 60 europei (18 italiani, provenienti da 16 diversi atenei) e 21 extra-europei.

Print Friendly, PDF & Email

User Rating: 3 / 5

Star ActiveStar ActiveStar ActiveStar InactiveStar Inactive

SEDE PANETTI

Biennio

1A 

 1B  1C  1D  1E  1F

2A 

 2B  2C  2D  2E

 

Informatica e Telecomunicazioni

3 ITIA A

4 ITIA A 5 ITIA A

3 ITIA B

4 ITIA B 5 ITIA B

 

Elettrotecnica (Diurno e Serale)

3 ITET

4 ITET 5 ITET A
   

5 ITET B

3 ITET-Serale

4 ITET-Serale 5 ITET-Serale

 

Elettronica

3 ITEC

4 ITEC 5 ITEC

 

Chimica e Materiali

3 ITCM

4 ITCM 5 ITCM

 

SEDE PITAGORA

Costruzioni, Ambiente e Territorio

1A

2A 3A 4A 5A

1B

2B 3B 4B 5B
Print Friendly, PDF & Email

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

“Rendere i processi operativi aziendali più efficienti, snelli e sicuri, semplificando e informatizzando l’operatività degli gli attori coinvolti nel processo produttivo”: questo il significato del percorso di Alternanza Scuola Lavoro che ha coinvolto i 40 studenti delle classi quarte dell’indirizzo INFORMATICA dell’Istituto Panetti Pitagora presso EXPERIS, azienda del settore ICT del gruppo ManpowerGroup.

I ragazzi si sono occupati dello sviluppo software con la metodologia Agile Scrum, utilizzando il linguaggio Java e la piattaforma di sviluppo Android Studio, e il tool GIT come software version control e configuration management system.

Il giorno 15 Giugno, la giornata finale del percorso di Alternanza si è svolta attraverso la partecipazione all’Evento Career Fair, organizzato dal Placement del Politecnico di Bari, in cui i ragazzi hanno potuto incontrare i Responsabili di Imprese nazionali ed Internazionali per domandare quali sono le opportunità di carriera professionale nel settore dell’ICT e in altri campi di produzione industriale.

Ai Seminari che si sono svolti durante la giornata sono intervenuti l’ing. Giorgio Parladori, dirigente di SM Optics srl del gruppo SIAE Microelettronica, che ha spiegato quali sono i fattori chiave che consentono l’espansione delle telecomunicazioni nel settore del 5G oltre le applicazioni mobili, e Francesco Nicassio, SW Engineer e Project Team Leader, e Vincenzo Simone, Research e Project Manager, entrambi del gruppo Experis, su “Network Modernisation: from infrastructure to services”.

Ha chiuso gli interventi Luca Giovannini, Direttore di EXPERIS MotorSport, parlando di “come trasferire l’approccio manageriale di un team di formula 1” nei processi di sviluppo industriali.

Studenti e insegnanti, la prof.ssa Sannicandro e il prof. Sacchetti, hanno seguito le presentazioni e si sono intrattenuti con i relatori per domande e spiegazioni.

La scuola ha anche, forse soprattutto, il compito di formare i talenti degli studenti per trasformarli nella nuova generazione di tecnici che l’industria sta cercando.

 

Print Friendly, PDF & Email

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

 
L'IISS Panetti Pitagora ha realizzato un percorso di Alternanza scuola-lavoro con AUSER Puglia, associazione di volontariato e di promozione sociale, impegnata nel favorire l'invecchiamento attivo degli anziani e a far crescere il ruolo dei senior nella società. Il connubio scuola / extra-scuola si concretizza in un percorso in cui gli studenti adolescenti fanno da tutor agli "studenti" senior al fine di superare insieme il gap generazionale. Viene "saltata" la generazione intermedia, quella dei "docenti", perché il compito dell'insegnamento è affidato in tutto e per tutti agli adolescenti rivelatisi perfettamente all'altezza delle aspettative in loro riposte. La pratica peer to peer è servita ai giovani tutor per traghettare gli "studenti" senior nel mondo dell'informatica: le attività svolte si sono potute avvalere di quanto prodotto curricolarmente  in aula durante le ore di lezione e avvalorare  ulteriormente il nesso curriculare del percorso svolto nell'ambito dell'Alternanza Scuola Lavoro. Partiti con  una breve presentazione del PC, sono stati successivamente  proposti semplici format sviluppati  in ambiente Open Office (word processing, foglio di calcolo, slide), Office on line, strumenti di Google. Immancabile il richiamo ai Social Network opportunamente selezionati: uno per tutti G+. Addentrandosi sempre più nello specifico, sono stati individuati i "percorsi di minima distanza" avvalendosi di Google Maps. La  navigazione in Internet è proseseguita consultando i siti governativi. Non di solo PC vive l'uomo, parafrasando una frase celebre; infatti esistono anche smartphone e tablet, quindi, trasferitisi nell'aula dedicata, le attività sono proseguite in modalità "touch-screen".
Gli anziani partecipanti hanno attivamente aderito alla proposta formativa realizzando i task indicati durante l'avanzamento dei lavori. 
Tutti contenti e soddisfatti: i ragazzi, perché dal canto loro hanno potuto "sfruttare" le competenze di indirizzo; gli anziani perché hanno ottenuto una guida al proprio fianco per addentrarsi nei meandri dell'informatica.
Il prossimo appuntamento è fissato per settembre!
Print Friendly, PDF & Email

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

 

Tutte le seconde classi dell’Istituto “Panetti-Pitagora” tramite  una piccola rappresentanza hanno aderito alla manifestazione conclusiva del progetto PON  “Io ci sto” che si è tenuta  stamattina presso la scuola  “Tommaso Fiore di Bari” capofila di scuole in rete, in cui sono stati coinvolti 1250 alunni di tutta la regione pugliese, in collaborazione con l’associazione culturale Talands.

All’evento i nostri ragazzi si sono presentati con un’esecuzione musicale, una lettura ed un appello.

L’alunno Francesco Traversa della 2A ha eseguito alla chitarra “Sweet home Alabama” dei Lynyrd Skynyrd, scelta significativa, dal momento che il testo  musicale   critica l’Alabama per il perdurante razzismo nei confronti dei neri, mentre il brano  trasmette accoglienza, serenità e pace.

 

 

Gli alunni di 2B, Gabriele Amati e Nicolò Donvito hanno invece  ricordato con un’intensa lettura  in forma  dialogata, il discorso sulla Bellezza di Peppino Impastato tratto dal film “Cento passi” di Marco Tullio Giordana.

Infine, su una schermata della  page di “Iocisto_Puglia” su Facebook,  Angelo Parisi di 2E ha riportato una riflessione maturata durante la discussione in classe  sul sopruso del potere e del suo unico, imbattibile e inesauribile antagonista, quello della coscienza critica che appartiene a ciascuno di noi e da cui, come il ragazzo stesso ha affermato, traggono forza i gesti minimi della normalità.

Con questa conclusione i ragazzi del Panetti-Pitagora hanno fatto appello a tutti di continuare la discussione sulla page di FB “Iocisto_Puglia”, affinché il percorso interlocutorio sulla legalità non si esaurisca come un inserto speciale celebrativo e commemorativo, che tra l’altro quest’anno coincide con il venticinquesimo della strage di Capaci,  ma si manifesti come sete di verità, continuando a postare riflessioni e testimonianze di legalità,  anche in nome di chi nella tutela del bene comune ha sacrificato la vita.

 

 

 

Con questi encomiabili ragazzi che hanno manifestato spirito di iniziativa e di ricerca, il nostro istituto ha dimostrato la certezza di essere un terreno fecondo di idee, di riflessioni, di percorsi educativi in grado di camminare con le gambe dei ragazzi, i quali non si sono risparmiati nel  manifestare la propria voglia di partecipare e di unirsi a un qualcosa di comune, di dire appunto:- “Io ci sto”; nulla di preconfezionato, ma maturato con la testa e con il cuore. Stamattina la fibrillazione prima di presentarsi sul palco era a mille.

Un ringraziamento va anche al corpo docente, non solo perché considera l’educazione alla legalità di fondamentale importanza per far acquisire la maturità e il rispetto delle norme di convivenza tra gli individui, ma anche perché essa rappresenta un invito alla conoscenza della società odierna sempre più complessa e, talvolta, ostile. Un impegno dunque non sporadico e occasionale, tanto che l’invito del  progetto “Io ci sto” avvenuto a metà aprile  si è ben incastrato  con il tema  di cittadinanza globale già stabilito  all’inizio dell’anno scolastico appositamente  per l’ unità di apprendimento dal titolo “Io cittadino del mondo”.

 

                                                                                                     prof.ssa Mariella Genovese

Print Friendly, PDF & Email

Utenti online

We have 37 guests and no members online