C.F. 93491330721  -  C.U.U.: UFNOGZ  -  PEC: batf230001@pec.istruzione.it 

News

E' iniziato presso la sede Panetti il corso di Robotica Educativa guidato come sempre dalla chiarissima prof.ssa Silvia Matarrese. Ad aderire alla proposta formativa sono stati ben 38 studenti do varie classi e specializzazioni. Grande entusiasmo e voglia di imparare da parte di ragazze e ragazzi che, attraverso il gioco, apprendono le basi della programmazione e della robotica. Si tratta di competenze che potranno, in futuro, essere spese dai ragazzi in quella che ormai è definita da tutti Industria 4.0. Le tecniche di programmazione di una catena di montaggio o di un braccio meccanico, in fondo, non sono poi troppo dissimili da quelle imparate smanettando sui piccoli robot.

La prof.ssa Matarrese addestrerà ragazze e ragazzi affinché i loro piccoli amici elettronici possano muoversi in totale autonomia su un percorso abbastanza complesso, costruito appositamente dalla stessa docente. La sfida è ardua, ma siamo certi che i "progettisti in erba" raggiungeranno il loro obiettivo.

 

Print Friendly, PDF & Email

 

E' iniziato, presso la sede Panetti dell'Istituto, il primo modulo del progetto PON "School for Dreamers", intitolato "A Scuola di Startup". Il progetto, che proseguirà con il modulo "Generatori di futuro, spinti verso il possibile" a cura della prof.ssa Letizia Carrera, è coordinato dalla prof.ssa Maria Teresa Giuliani ed è riservato agli studenti delle classi 4^ e 5^ Informatica B. Il primo modulo, della durata di due settimane di PCTO, punterà a insegnare agli studenti come costruire un progetto di startup, partendo da una loro idea e analizzandone ogni aspetto con l'utilizzo di Business Model Canvas e l'aiuto dei tutori di auLAB.

Il PCTO (Percorso per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento) è una metodologia didattica innovativa che consente agli studenti di realizzare un percorso formativo alternando periodi di studio in aula a forme di apprendimento in contesti lavorativi.

È un nuovo modo di fare scuola che permette agli studenti dei licei e degli istituti professionali di prendere contatto con il mondo del lavoro, utilizzando l'azienda come aula. Lo scopo è fornire, assieme alle conoscenze di base, competenze utili a inserirsi nel mercato del lavoro.

 

Un'esperienza sul campo che consente di colmare il gap esistente tra mondo accademico e mondo del lavoro.

auLAB, grazie alla sua pluriennale esperienza nel settore delle startup, è in grado di stimolare gli studenti a una scelta più consapevole del percorso per il loro futuro. Il team condivide e promuove l'idea che gli alunni apprendano molto meglio quando hanno la possibilità di costruire il sapere in modo attivo, attraverso esperienze concrete.

Il ruolo dei professionisti di auLAB è quello di guidare i giovani nella scoperta dei propri talenti e verso il raggiungimento dei propri obiettivi, elevando al massimo il loro grado di coinvolgimento e dunque la loro produttività.

Gli obiettivi e gli strumenti che l'azienda utilizza nei progetti che la vedono protagonista nello sviluppo economico e lavorativo del territorio, coincidono con quelli prefissati dai PCTO ministeriali. auLAB desidera offrire agli studenti la possibilità di ricevere stimoli nuovi, ampliando la loro formazione e accrescendo il proprio bagaglio professionale, soprattutto, aiutandoli a diventare le persone che vogliono essere.

Se per i giovani il PCTO rappresenta un'opportunità di crescita e d'inserimento nel mercato del lavoro, per auLAB si tratta di un vero e proprio investimento nel capitale umano.

Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuta ieri, 30 ottobre 2019, presso la sede Pitagora, un'interessantissima lezione sui temi del Cyberbullismo a cura della prof.ssa Piccolo, referente dell'Istituto. I lavori hanno coinvolto i ragazzi nello studio del fenomeno e nell'approfondimento della legge n.71 del 29/05/2017, detta proprio legge sul Cyberbullismo. La docente ha condotto presso la sede Pitagora un'attività di informazione e formazione su uno dei fenomeni che rappresenta una reale frontiera di rischio per le giovani generazioni.

Molto attenti gli studenti che hanno interagito con la prof. Piccolo, ponendo non pochi interrogativi.

Video 1

Video 2

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Utenti online

We have 30 guests and no members online